Valter Borin

canto lirico

Valter Borin é un musicista famoso per la sua straordinaria ecletticità: diplomato in pianoforte e composizione al Conservatorio di Milano, ha condotto parallelamente studi privati per diventare anche Direttore d'orchestra e Cantante Lirico, specializzandosi poi in queste due specifiche carriere.

Per un ventennio la carriera del cantante lirico, come tenore di primi ruoli, ha preso decisamente il sopravvento, portandolo ad esibirsi sui più prestigiosi palcoscenici italiani ed esteri in ruoli pucciniani come Cavaradossi in "Tosca", Rodolfo ne "La Bohéme", Calaf in "Turandot", Ruggero ne "La Rondine", Pinkerton in "Madama Butterfly", e in ruoli verdiani come Manrico ne "Il Trovatore", Alfredo ne "La Traviata", il Duca in "Rigoletto", Foresto in "Attila", Radames in "Aida", Riccardo in "Oberto", Rodolfo in "Luisa Miller", Adorno in "Simon Boccanegra".

Suo grande "cavallo di battaglia" é stato spesso il ruolo di Don José nella "Carmen" di Bizet, ma ha interpretato anche Werther nell'omonima opera di Massenet e Renato Des Grieux nella "Manon" dello stesso autore. Il teatro San Carlo di Napoli, il Teatro alla Scala, il Teatro Massimo di Palermo, il Bellini di Catania, Il Carlo Felice di Genova, il Comunale di Bologna, il Lirico di

Cagliari, il Regio di Parma, Lo Sferisterio di Macerata, il Teatro degli Champs-Elysées di Parigi, la Deutsche Oper di Berlino, la Los Angeles Opera, l'Art Center di Seoul, il New National Theatre di Tokio, l'Opera Nazionale di Pechino, lo Staatsoper di Vienna, il Teatro Mikhailovsky di San Pietroburgo, sono solo alcuni dei teatri nei quali si é esibito.

Recentemente la sua carriera, per sua volontà, é tornata ad essere prevalentemente quella del direttore d'orchestra: oltre a conoscere un vasto repertorio sinfonico, la sua non comune esperienza del teatro d'opera, unitamente alla sua conoscenza pressoché totale delle problematiche del palcoscenico, lo rendono un direttore ideale per tutto il repertorio del melodramma. E' stato allievo ed assistente del M° Marcello Rota,ed é tuttora assistente del M° Daniel Oren.

Recentemente ha diretto La Traviata e Nabucco al Teatro Ariston di Sanremo, Rigoletto al Festival di Saaremaa (Estonia), Turandot e La Bohéme nei teatri di Chiavari e Imperia, Aida al Teatro "Maria Caniglia" di Sulmona, L'elisir d'amore in Toruné con l'As.Li.Co, Il Barbiere di Siviglia al Festival di Saaremaa e al Civico di La Spezia, ma anche la Messa da Requiem di Verdi al teatro Alfieri di Asti e al Cantero di Chiavari, il Requiem di Mozart nella cattedrale di Santa Maria del Suffragio a Milano, il balletto "W Verdi" a Riga, concerti sinfonici e concerti di capodanno al teatro Alfieri di Asti e con l'Associazione Pozzoli in vari teatri lombardi.

E' stato direttore artistico dell'Orchestra Sinfonica di Asti, ed é direttore principale di "Ritorno all'Opera".